Mostrando postagens com marcador Arrakeen. Mostrar todas as postagens
Mostrando postagens com marcador Arrakeen. Mostrar todas as postagens

4 de fev de 2009

Arrakeen - Mosaique

Infelizmente a carreira oficial dessa banda de progressivo da França só conta com dois trabalhos oficiais, um já postado aqui "Patchwork" de 90 e agora este de 92.
Mas isso não desmerece a beleza e a qualidade da banda, que tem nos vocais de Maiko o ponto forte, mas se vc prestar atenção ao redor dela, aí sim nota que cada um sabia e muito bem o que fazer e faziam com maestria.


Trouxe dessa vez uma resenha francesa que define muito bem a curta carreira dessa banda.

"La fin des années 80 n’est pas propice au rock progressif. Il faut donc aux aixois une bonne dose de volonté et de chance pour exister. Et à force de la provoquer cette fameuse chance arrive : le producteur d’Arrakeen organise un concert de Marillion à Vitrolles en 1989 et obtient que le groupe assure la première partie. Les anglais sont impressionnés par la prestation des cinq provençaux et les invitent à poursuivre l’aventure sur l’ensemble de leur tournée hexagonale. Cette mini tournée donne naissance à « Patchwork », un album mi live mi studio où l’on retrouve notamment Steve Rothery, le guitariste de Marillion sur le titre « Folle Marie ». Mais le groupe et sa chanteuse peinent à trouver un public et une maison de disque. En 1991, Arrakeen cesse toute activité. Sylvain Gouvernaire filer à Londres et monte le projet Iris avec la section rythmique de Marillion. Quelques mois plus tard Arrakeen reprend du service avec Cyril Achard à la guitare et réussit à produire un second album. Mais l’engouement n’est toujours pas au rendez-vous".

Studio Album, released in 1992


Track Listings

1. Un nouveau Monde (6:41)
2. Le XI Commandement (4:21)
3. L'enfant des pluies (7:58)
4. Sizygie (4:26)
5. Mosaique (8:56)
6. Celebration (2:08)
7. White Moon Dreamer (6:36)
8. Rages (9:38)

Total Time: 50:44

Musicians:
- Maïko: vocals
- Cyril Archard: guitars
- Eric Bonnardel: keyboards
- Gauthier Mejanel: drums
- Yves Darteyron: bass

Enjoy!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

2 de fev de 2009

Arrakeen - Patchwork (1990)

Mais uma vez eu recorro ao meu amigo Nucci pra descrição de um trabalho progressivo e não faço isso por nada mais do que informação precisa e oferecer o melhor a quem quiser conhecer a banda ou saber mais dela.
Como ele convive em um centro cultural efervescente, que é a Europa, o respeito e por isso aprendo também apesar do som ser de meu acervo pessoal sempre procuro o melhor que posso em conteúdo e esse álbum é um dos meus queridinhos apesar de curtinho, rs!!

"Dopo il dovuto periodo di gavetta, arriva anche per i marsigliesi Arrakeen il momento dell'esordio ufficiale, rappresentato da questo mini CD, autoprodotto ma distribuito abbastanza bene tramite i soliti canali progressive e facilmente rintracciabile anche nei negozi specializzati italiani. Per chi non conoscesse il nome Arrakeen, dirò che in passato hanno pubblicato solo un demo-tape ("Folle Marie" 1989), ben realizzato tra l'altro, che li ha messi in luce quali maggiori seguaci della scuola new-prog in terra francese; la presenza di una cantante donna, la brava Maiko, fa sì che i toni siano alquanto ingentiliti, pur mettendo in evidenza un ottimo gioco di tastiere e chitarra.
Il CD in oggetto contiene 4 brani, di cui i primi 3 di recente fattura: si inizia con la potente "Le monde du quoi", molto veloce e di facile effetto se proposta in versione live, che mette subito in evidenza la voce della cantante che, forse, può dare fastidio al primo ascolto per il suo tono alto e squillante e necessita di un orecchio non troppo... intransigente. La successiva "Differences", molto più lunga e meditativa è, a mio giudizio, un piccolo capolavoro, sia per il testo, sia per i contenuti musicali che mettono in luce la validità dei musicisti, a partire dal chitarrista Sylvain Gouvernaire il cui modello, non lo si può negare, è Steven Rothery. Dopo l'episodio dal titolo "L'Entaluve", che sembra tratto direttamente da "Seasons end", è la volta del piatto forte del disco: la quarta traccia infatti è costituita dalla canzone "Folle Marie", versione live, con un lungo assolo finale eseguito in coppia dall'ottimo Sylvain assieme al maestro Rothery, nell'ambito di un tour francese dei Marillion organizzato dagli stessi Arrakeen e di cui essi stessi costituivano il gruppo spalla. Che dire di quest'ultimo pezzo? Ad un testo tutt'altro che banale, corrisponde una prima parte non molto convincente anche se ottima per preparare l'avvincente finale, nell'ascoltare il quale molti amanti del genere non potranno fare a meno di provare qualche brivido".

Track Listings
1. Le monde du Quoi (5:35)
2. Differences (11:25)
3. L'ent'aluve (4:30)
4. Folle Marie (Live Version) (9:15)

Total Time: 30:45

Line-up/Musicians
- Mejanel Gauthier / drums
- Yves Darteyron / bass, chorus
- Maïko / vocals
- Eric Bonnardel / keyboards
- Sylvain Gouvernaire / guitar, chorus
+ Steve Rothery / 2nd guitar solo (4)