Mostrando postagens com marcador Morto Francesco Di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso. Mostrar todas as postagens
Mostrando postagens com marcador Morto Francesco Di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso. Mostrar todas as postagens

24 de fev de 2014

Musica italiana in lutto Morto Francesco Di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso

IO NON SONO PIÙ IN GRADO DI VEDERE TANTE MORTI STUPIDE A CAUSA DI UN POTERE EFFIMERO E FUGACE .

DESPOTI E DITTATORI COME QUA E LÀ RIMANGONO SALDI NELLA DERUBARE E UCCIDERE NOI LA FAME E LA SETE E DISTESO CON QUELLA FACCIA CHE SOLO LA PIÙ SFACCIATA DELLE PROSTITUTE POSSONO AVERE .


NEL FRATTEMPO I NOSTRI IDOLI , NATURALMENTE , INVECCHIANO E MUOIONO COME VOI E HO ANCORA VOGLIA , MA SE FOSSERO UN PO 'PIÙ POTREBBE DARCI UN PO' DI CONFORTO , UNA SPALLA SU CUI PIANGERE IL NOSTRO DOLORE, MA ANCHE QUESTO È STATO CONSENTITO IN E CHIEDONO , MIO DIO PERCHÉ TANTO DOLORE E TANTA SOFFERENZA PERCHÉ ?


CHE COSA SARÀ LASCIATO NEL POZZO ?


COSA È RIMASTO DI NOI ?


COME ANDREMO AVANTI ?


UNO DEI PIÙ GRANDI CANTANTI DELLA MUSICA ITALIANA E MONDIALE , UN FRATELLO ... LASCIA UN ALTRO E COME HO IMPARATO SOLO ADESSO STO EVITANDO TRISTE NOTIZIA NON MI POTEVA MANCARE , E NONOSTANTE SANTANA SOTTO ESSERE UN MERAVIGLIOSO POSTO NON È RIUSCITO A ME NON FALLIRE ADDIO A NOME DI TUTTI COLORO CHE AMANO LA MUSICA VERA E FATTA DA VERI MUSICISTI .


RELAX AMICO , RIPOSA IN PACE LA LORO MISSIONE ERA CUPRIDA , SI SPERA MOLTI SAREBBE ANDATO BENE CON LA COSCIENZA DEL DOVERE COMPIUTO E NON PIENO DI BUGIE PER NASCONDERE I LORO CRIMINI ! !


FRANCESCO RIPOSO , RIPOSA IN PACE ! !


DEAD OR ALIVE


IL CANTANTE AVEVA 66 ANNI

Un grave lutto ha colpito il mondo della musica italiana. Francesco Di Giacomo, 66 anni, voce carismatica del Banco del Mutuo Soccorso, è morto in un incidente stradale a Zagarolo, comune a una trentina di chilometri di Roma.
Secondo le prime ricostruzioni Di Giacomo avrebbe accusato un malore mentre era alla guida della sua auto, una Toyota, in via Valle del Formale, all’altezza del centro sportivo del paese. L’auto avrebbe così invaso l’altra corsia andandosi a schiantare contro una Rover che procedeva in senso opposto. Nulla da fare per Di Giacomo, spirato durante il trasporto in ospedale. La donna alla guida dell’altra auto non avrebbe riportato gravi ferite.
Di Giacomo, una delle voci più caratteristiche della musica italiana, ha segnato una grande epoca con il Banco del Mutuo Soccorso, gruppo al quale rimarrà legato indissolubilmente segnando profondamente l’epoca del rock progressivo italiano che tanti estimatori continua ad avere da ogni parte del mondo. Il gruppo esordì nel 1972 con l’album omonimo dalla caratteristica copertina a salvadanaio, diventata un’icona in tutto il mondo, per poi proseguire con due capolavori del genere come il concept album “Darwin” e “Io sono nato libero”.
Il Banco, capitanato da Di Giacomo e Vittorio Nocenzi, da sempre autore di una musica particolare e ricercata e dai testi altamente lirici, negli ultimi anni era tornato a calcare i più importanti palchi italiani con tour in tutta la Penisola.
BANCO (FRANCESCO DI GIACOMO)

Dopo una carriera così lunga, come vivi ora il tuo rapporto con il pubblico?

Il contatto con la gente e con i nostri fans è ovviamente davvero molto importante per noi, anche se non ti nascondo che siamo davvero stupiti nel constatare che, pur essendo noi un gruppo degli anni '70, ai nostri concerti assistono prevalentemente ragazzi che vanno dai 15 ai 20 anni.

Cosa puoi dirci di "Nudo", il vostro ultimo lavoro?

E' un lavoro che ci piace moltissimo e che credo rappresenti la nostra maturazione musicale, sia nell'ambito della ricerca dei testi, sia in ambito ritmico e compositivo, tenendo sempre presente che quello che creiamo nasce prima per noi stessi e poi per il pubblico, il quale comunque vedo che ci segue sempre con interesse.

Programmi per il futuro?

Penso che tra pochi mesi dovrebbe essere confermata una nostra tournée negli Stati Uniti e subito dopo ci tufferemo in una serie di esibizioni live alternando concerti acustici ed elettici, anche se non ti nascondo che l'esibizione acustica è un po' lo specchio della nostra fase attuale.

Igor De Bastiani
Gustare!!!!!!!!!!!!!!!!